FilmProssimamenteSchede FilmTrailer

L’accusa

3
(1)
L'accusa

L’accusa
Data di uscita: 24 febbraio 2022
Genere: Drammatico
Anno: 2021
Regia: Yvan Attal
Attori:
Charlotte Gainsbourg
Mathieu Kassovitz
Laëtitia Eïdo
Camille Razat
Pierre Arditi
Benjamin Lavernhe
Audrey Dana
Judith Chemla
Ben Attal
Franz-Rudolf Lang
Romain Barreau
Suzanne Jouannet
Paese: Francia
Durata: 148 min
Distribuzione: Movies Inspired
Sceneggiatura: Yvan Attal, Yaël Langmann
Fotografia: Rémy Chevrin
Montaggio: Albertine Lastera
Musiche: Mathieu Lamboley
Produzione: Curiosa Films, Films Sous Influence


Trama

L’accusa è un film diretto da Yvan Attal; narra la storia di una coppia sposata, i Farel, formata da Jean, opinionista francese, e Claire (interpretata da Charlotte Gainsbourg), saggista e femminista. I due hanno due figli da precedenti relazioni: Alexandre (interpretato da Ben Attal), che studia in un’università americana ed è uno studente modello, e Mila (interpretata da Suzanne Jouannet).
Quando si reca a Parigi Alexandre si imbatte in Mila, una giovane donna figlia dell’amante di sua madre, e la invita a prendere parte con lui a una festa.
Il giorno successivo la ragazza denuncia Alexandre per stupro.
È una vittima o solo in un desiderio di vendetta, come sostiene l’imputato?
L’accusa di violenza porta l’equilibrio familiare dei Farel a incrinarsi e le loro vite in frantumi, ma qual è la verità?

Curiosità

Coinvolgimento emotivo

Il regista, che ha firmato la sceneggiatura insieme a Yaël Langmann, ha dichiarato:

“Mi ha commosso l’imputato (in cui potevo riconoscere mio figlio) e mi ha commosso la vittima (in cui potevo invece riconoscere mia figlia). Mi sono totalmente identificato con i genitori dei due giovani coinvolti nella vicenda. Ho modificato la struttura della storia – in cui ci sono “lui”, “lei” e il processo – in modo che il pubblico avesse il tempo di affezionarsi a loro. Io stesso, ad esempio, volevo sapere da dove venivano, chi erano, come ognuno di loro ricordava la sera prima del dramma, perché lei pensava che quello accaduto fosse uno stupro e lui invece un rapporto consensuale.”

Ricerche

“Mentre scrivevo il film, ho incontrato magistrati, giudici, agenti di polizia e avvocati per avvicinarmi il più possibile alle loro aree di competenza e al modo in cui vedono la loro professione. Il romanzo mi ha fornito del materiale drammatico favoloso ma avevo bisogno di immergermi nel sistema, nell’arena in cui ognuno si muove. L’aula di tribunale è ciò che più mi ha colpito, con il suo silenzio e con la tensione palpabile. […] Ho assistito a un processo per stupro. Non c’erano dubbi sulla colpevolezza dell’uomo. Ci sono però ancora un essere umano al banco e uno dal lato delle vittime.”

Priorità

Il regista continua sulle sue priorità nel trasporre il romanzo Karine Tuil prima in sceneggiatura, infine su pellicola:

“Attenersi alla sceneggiatura, in primis. Quando scrivo una sceneggiatura, so già cosa si trasformerà in girato, cosa taglierò e cosa modificherò. Non mi piace riscrivere il film sul set o durante il montaggio. Un film è il risultato di una serie di scelte, dall’obiettivo all’inquadratura al ritmo, che fai in anticipo nella speranza che i risultati sperati si trasformino in realtà. Conservo, certo, una dose si flessibilità: se qualcosa appare sbagliata, la cambio.”

Trailer

Intervista completa al regista:

https://www.filmtv.it/film/201142/l-accusa/#

Altri film in uscita:

https://www.cinemaniaci.it/category/film/prossimamente/

393 Views

Vota questo film!

Media voti 3 / 5. Totale voti 1

Questo film non è ancora stato votato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.