FilmFilm CompletiRecensioniSchede Film

Don’t Look in the Basement

0
(0)
Don't Look in the Basement Locandina

Don’t Look in the Basement
Directed by S. F. Brownrigg
Written by Tim Pope
Produced by S. F. Brownrigg
Walter L. Krusz (executive producer)
Starring: Bill McGhee, Rosie Holotik, Anne MacAdams, Gene Ross, Hugh Feagin, Camilla Carr
Cinematography Robert B. Alcott
Edited by Jerry Caraway
Music by Robert Farrar
Production company: Hallmark Releasing Corp.
Distributed by AIP
Release date: 1973
Running time: 89 minutes
Language: English
Budget: $100,000 USD

Trama

Don’t Look in the Basement è ambientato nel rurale Stephens Sanitarium, un isolato istituto di salute mentale, il cui capo medico ritiene che la terapia migliori mediante il consentire ai pazienti di esplorare liberamente le proprie realtà. La storia inizia con un’anziana infermiera che fa il giro dell’istituto. Dopo un inquietante incidente in cui un paziente minaccia la sua vita, decide di ritirarsi e si dirige a parlare con il capo medico, il dott. Stephens, per comunicargli la sua decisione.

Sfortunatamente durante il processo terapeutico l’ex magistrato Oliver W. Cameron, noto come “il giudice”, accidentalmente colpisce con l’ascia il dott. Stephens, apparentemente uccidendolo. Scioccata, l’infermiera torna all’interno per finire di fare le valigie, ma viene attaccata da Harriett, una paziente convinta che le sia stata rubata la “baby” (in realtà una bambola di plastica). Harriett uccide l’infermiera schiacciandole la testa nella valigia.

L’unico medico rimasto sembra essere il dott Geraldine Masters, accolto da Charlotte Beale, una giovane infermiera che informa il dott. Masters che il dott. Stephens l’aveva assunta solo una settimana prima. L’infermiera si imbatte nei vari pazienti, tra cui Sam, un uomo lobotomizzato e infantile che adora i ghiaccioli e la sua barca giocattolo di plastica; Allyson, una ninfomane e schizofrenica; Jennifer, una donna emotivamente dipendente; Mrs. Callingham, un’ottuagenaria che compone poesie bizzarre e confonde fiori in giardino con i suoi figli; Danny, un giovane burlone; un sergente sconvolto che ha perso la testa dopo aver accidentalmente ucciso i suoi uomini in Vietnam; e il giudice impazzito, incapace di esprimersi in altro modo che non sia il linguaggio da tribunale e la frase ripetuta: “Il mio nome è Oliver W. Cameron.”

Il dottor Masters diventa agitato quando un tecnico delle linee telefoniche arriva per indagare sui problemi di comunicazione dell’istituzione. La signora Callingham perde la lingua durante il sonno, ma il dottor Masters sostiene che lei stessa si è inflitta il danno. In seguito, emerge che il dottor Masters è in realtà un paziente dell’istituto, e il dottor Stephens le aveva permesso di fingersi medico. Disobbedendogli, il dottor Masters brucia la mano del sergente e uccide Jennifer, accusandola di furto di medicinali. Durante una conversazione agitata con Allyson, Charlotte scopre il segreto del dottor Masters.

La signora Callingham rivela a Charlotte che sono stati i Masters a tagliarle la lingua per impedirle di rivelare il segreto. Charlotte trova il corpo del tecnico delle linee telefoniche nell’armadio della cucina, apparentemente ucciso dai Masters per evitare che divulgasse la situazione dell’istituto. Allyson, devastata, trascina il corpo dell’uomo nella sua stanza, convinta che possa ancora sposarlo.

Charlotte si rende conto del pericolo imminente e cerca di fuggire, ma il giudice le informa che tutti credono che anche lei sia una paziente. Scopre che porte e finestre sono state bloccate dai Masters per impedire la fuga. Sam la conduce nel seminterrato, dove viene terrorizzata da un uomo che le afferra la caviglia e viene ucciso con una barca giocattolo. Si rende conto che è il dottor Stephens, ma troppo tardi per evitarne la morte.

Sam guida poi Charlotte al piano di sopra, presumibilmente per permettere al giudice di ucciderla. Sam, convinto che Charlotte abbia ucciso il dottor Stephens intenzionalmente, le dà una mano ma poi ha un flashback della sua lobotomia (aiutata dai Masters) e la lascia andare. Mentre esce, gli altri pazienti entrano armati, e il giudice uccide brutalmente i Masters con un’ascia.

Sam, profondamente sconvolto, prende l’ascia e uccide gli altri pazienti, tranne la signora Callingham, che non si trova nella stanza. Charlotte è già fuori, avendo appreso da Sam dell’uscita segreta nel seminterrato. Mentre vaga all’esterno, la telecamera torna su Sam, che piange mentre mangia un ghiacciolo e osserva la scena di violenza.

Don't Look in the Basement Featured 0

Curiosità

La pellicola debuttò originariamente nei cinema nel maggio 1973, proiettata nelle regioni del Midwest e del sud-ovest degli Stati Uniti con il suo titolo originale. Successivamente, il film fu acquisito per la distribuzione cinematografica da Hallmark Releasing, un sotto-distributore per American International Pictures situato nell’area del New England.

Hallmark aveva già ottenuto un notevole successo con The Last House on the Left, particolarmente grazie alla frase promozionale: “Per evitare di svenire, continua a ripetere: è solo un film… solo un film … solo un film”. Nel luglio 1973, fecero dei test cambiando il titolo del film diverse volte, considerando opzioni come The Snake Pit, Beyond Help e Death Ward No. 13, prima di stabilirsi infine su Non guardare nel seminterrato.

Il film fu quindi distribuito su scala nazionale con questo titolo nell’agosto 1973, e Hallmark continuò a proiettarlo per il resto degli anni ’70, spesso inserendolo in doppi o tripli spettacoli con altri titoli come The Last House on the Left, The House That Vanished e Let Sleeping Corpses Lie, quest’ultimo pubblicato da Hallmark negli Stati Uniti con il titolo Don’t Open the Window.

Don't Look in the Basement Featured 2

Approfondimenti

The Forgotten è stato inizialmente pubblicato in formato DVD da Vci Video il 25 gennaio 2000. Successivamente, BCI lo ha rilasciato il 22 gennaio 2002 come parte del suo pacchetto cinematografico “Evil Places” a due dischi. Il film è stato oggetto di repubblicazioni da parte di BCI nel 2004 e nel 2005, con varie inclusione in pacchetti multi-film. Nel corso del 2003, è stato distribuito cinque volte da Diamond Entertainment, Platinum Disc, Pop Flix e Alpha Video rispettivamente.

Nel 2004, St. Clair Entertainment lo ha rilasciato due volte il 24 febbraio e il 2 marzo. Successivamente, nel medesimo anno, è stato pubblicato da Elstree Hill Entertainment il 25 ottobre e da HHO il 29 novembre. Nel 2005, Platinum Disk lo ha ripubblicato tre volte come parte di vari pacchetti multi-film. Nello stesso anno, è stato rilasciato da Stax, Mill Creek Entertainment, Black Horse, e ha subito un’altra pubblicazione da Diamond Entertainment. Nel 2006, Mill Creek e Vci lo hanno ri-pubblicato come parte di diverse collezioni multi-film.

Nel 2007, Mill Creek ha nuovamente ripubblicato il film come doppia caratteristica con “Don’t Open the Door!” (1975). Nel 2008, è stato rilasciato come singolo lungometraggio da Video International e come parte di un pacchetto cinematografico a cinque dischi da Echo Bridge Home Entertainment nel 2010. Nel 2011, Echo Bridge lo ha incluso in diverse collezioni multi-film in collaborazione con Madacy Home Video. Nel 2012, il film è stato distribuito da Film Chest e ripubblicato da Pop Flix il 24 gennaio e il 10 aprile rispettivamente.

Mill Creek lo ha ripubblicato nuovamente nel 2013, facendolo parte del loro disco “American Horror Stories: 12 Movie Collection“. Nel 2014, Film Chest ha ripubblicato una versione digitalmente restaurata del film a novembre, seguita dal suo rilascio il 16 dicembre dello stesso anno. Nel 2015, il film è stato nuovamente rilasciato come singolo lungometraggio da VFN e Films Around The World Inc. Il 25 ottobre 2016 è stato rilasciato da VCI e il mese successivo da Film Detective. La sua prima pubblicazione su Blu-ray è avvenuta nel 2016 grazie a Brink, che lo ha incluso in una doppia caratteristica insieme al suo sequel “Don’t Look in the Basement 2” (2015). Nel 2018, il film è stato nuovamente pubblicato sia in Blu-ray che in DVD da parte di Code Red e VCI.

Don't Look in the Basement Featured 3

Accoglienza

L’accoglienza critica per “The Forgotten” è stata varia, oscillando tra recensioni miste e negative. Dave Sindelar, su Fantastic Movie Musings e Ramblings, ha espresso una recensione contrastante. Sindelar ha criticato la premessa del film, definendola “difficile da accettare” e ha trovato inutile la cattiveria culminante. Tuttavia, ha riconosciuto l’interesse dei personaggi e l’eccellente recitazione del cast, considerando notevoli i momenti nel film che esprimevano una vera tristezza e umanità, contribuendo a conferire maggiore profondità al film. Nonostante queste qualità, Sindelar ha riconosciuto che il film potrebbe non essere apprezzato da tutti.

Rob Gonsalves di “eFilmCritic.com” ha assegnato al film una sola stella, categorizzandolo come “un film horror di grado Z”.

Cavett Binion di AllMovie ha fornito una revisione più favorevole, sottolineando che, nonostante la sleaziness implicita nella produzione, il film riusciva comunque a creare un ambiente adatto. Binion ha apprezzato la capacità del regista S.F. Brownrigg di trasmettere un senso di claustrofobia selvaggia.

TV Guide ha rilasciato una recensione positiva, notando che nonostante il budget complessivo modesto della produzione, il risultato è più che accettabile.

Almar Haflidason della BBC ha assegnato al film tre stelle su cinque, esprimendo una valutazione moderatamente positiva della pellicola.

Remake

A maggio del 2008, i registi Alan Rowe Kelly e Anthony G. Sumner avevano in programma di realizzare un remake del film. Le riprese erano pianificate per ottobre 2008 nello stato dell’Indiana, con una prevista data di uscita nel 2009. Tuttavia, questa versione del film non ha mai visto la luce.

Nel marzo del 2017, l’ex chitarrista punk horror dei Misfits, Doyle Wolfgang Von Frankenstein, è stato annunciato come parte del cast di “Death Ward 13”, un remake e una continuazione di “Don’t Look in the Basement”. Il film è stato diretto da Todd Nunes (noto per “All Through the House”) e prodotto da The Readmond Company. Nonostante questa pianificazione, il secondo remake annunciato non ha ancora preso forma.

Sequel

Nel dicembre del 2013, è stato ufficializzato il sequel intitolato “Don’t Look in the Basement 2“, con la regia di Anthony Brownrigg, figlio di S.F. Brownrigg. Le riprese del film sono state realizzate in Texas nel marzo e aprile del 2014, sfruttando molte delle stesse location utilizzate nel film originale.

Recensione

Don’t Look in the Basement è un film horror psicologico diretto da S.F. Brownrigg nel 1973, che ha generato un certo interesse per il suo approccio insolito al genere. La pellicola, distribuita anche con il titolo The Forgotten, è stata accolta con una varietà di opinioni, oscillando tra recensioni miste e alcune apprezzamenti per la sua peculiarità.

La trama del film ruota attorno a Stephens Sanitarium, un isolato istituto di salute mentale, dove i pazienti sono incoraggiati a esplorare liberamente le loro realtà per affrontare la follia. Tuttavia la trama prende una svolta oscura quando un nuovo paziente, il giudice impazzito Oliver W. Cameron, sembra accidentalmente uccidere il capo medico, Dr. Stephens, scatenando una serie di eventi sinistri.

Una delle critiche principali rivolte al film riguarda la sua premessa, giudicata difficile da accettare da alcuni spettatori. Tuttavia, c’è chi ha elogiato l’interessante caratterizzazione dei personaggi e la notevole recitazione, considerando il contesto di un film a basso budget.

Il regista S.F. Brownrigg è riuscito a creare un’atmosfera unica, nonostante le limitazioni di bilancio, suscitando una vera sensazione di tristezza e umanità attraverso momenti ben distribuiti nella pellicola. Il film ha guadagnato notorietà grazie alle scelte audaci e alla sua capacità di offrire una visione disturbante e complessa della follia umana.

Curiosità cinematografiche:

  • Titoli Alternativi: Il film è noto anche come “The Forgotten” ed è stato oggetto di diversi cambi di titolo durante la distribuzione.
  • Hallmark Releasing: La pellicola è stata distribuita da Hallmark Releasing, un sotto-distributore per American International Pictures. Hallmark ottenne un notevole successo con la promozione di “The Last House on the Left.”
  • Releases Multiple: “Don’t Look in the Basement” è stato rilasciato in diverse occasioni con titoli diversi e all’interno di pacchetti multi-film, aumentando la sua visibilità.
  • Accoglienza Contrastante: Le recensioni del film sono state variegate, con alcune critiche negative sulla sua trama e altre lodi per l’atmosfera e le interpretazioni.
  • Remake e Sequel: Nel corso degli anni, sono stati pianificati un remake nel 2008 e un sequel nel 2013, segnalando l’impatto duraturo del film nell’immaginario cinematografico.

Don’t Look in the Basement rappresenta un esempio interessante di cinema indipendente degli anni ’70, che ha saputo attirare l’attenzione non solo per la sua trama avvincente ma anche per il modo in cui ha sfidato le convenzioni del genere horror.

(Francesco Ippolito)

Film completo

Altri film completi su cineMania
Questo film è distribuito con licenza Public Domain
Fonte

375 Views

Vota questo film!

Media voti 0 / 5. Totale voti 0

Questo film non è ancora stato votato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.